NEWS e aggiornamenti

Tutto quello che ti serve per il tuo lavoro

Il cliente di domani. La grande distribuzione sta perdendo la guerra?

La grande distribuzione organizzata food e no food, investe quotidianamente su offerte commerciali che agiscono quasi esclusivamente sulla leva prezzo. Lo strumento da sempre utilizzato è il flyer in tutte le sue declinazioni 4, 8, 12, 24 pagine.

Ma e' la strada corretta per fidelizzare il cliente futuro? E soprattutto la GDO si sta chiedendo chi sarà il cliente del prossimo futuro? Quali i suoi bisogni da soddisfare?

In questo momento la GDO pare che non dedichi tempo, a nostro avviso sbagliando, nel creare strategie di medio termine; è alla ricerca del fatturato immediato spostando il problema della fidelizzazione a domani. Ma il domani è sempre più vicino, a discapito dell'oggi. L'ecommerce con tutta la sua filiera ha già capito e si sta muovendo in anticipo; oltre a garantire la convenienza, garantisce una esperienza diversa di consumo. Un esperienza innovativa o meglio una esperienza che ad oggi il cliente retail non era abituato a ricevere. L'ecommerce è già strutturata e continua a strutturarsi non solo per offrire il miglior prezzo, ma per offrirti una esperienza completa di acquisto. Ti offrono assistenza, informazioni puntuali sui prodotti che potrebbero interessarti, conoscono le tue abitudini di consumo, sanno cosa compri ed intervengono con precisione chirurgica a segnalarti i prodotti attinenti. Non è una questione di prezzo ma di trovare per te il prodotto adatto. Non siamo ancora ad un ecommerce predittivo ma poco ci manca.

L'arrivo inoltre di soluzioni come la realtà aumentata quali gli Hololens di Microsoft , i google glass, ed da poco sono arrivati sul mercato anche gli oculus rift di facebook, rivoluzioneranno ancora di più il mercato portando il consumatore ad una esperienza superiore rispetto a quella che avviene oggi in negozio.

Fra qualche tempo non troppo lontano gli ologrammi ci permetteranno di visionare se il parquet che vorremmo acquistare si abbina con l'arredo che il nostro architetto ha progettato, se la tv ha le misure adatte per il nostro mobile etc... ovviamente tutto questo avverrà seduto dal divano di casa o in riva al mare o su un aereo etc...

In tutto questo la GDO è rimasta barricata nei suoi negozi sotterrando il vantaggio che ha di "toccare con mano" il cliente. Le classiche fidelity card che potevano essere uno strumento di analisi dei consumi del cliente per predire i suoi acquisti vengono banalizzati dalla semplice raccolta punti per ricevere un premio di qualche euro. Pensate che le fidelity card incidono sulla spesa complessiva all'incirca dell'1%, per fare un esempio voi spendete da loro mille euro e vi riconoscono un premio da 10. Ridicolo no!

La Gdo deve cambiare il suo modo di operare immediatamente. Non è colpa del mercato che sta evolvendo verso canali ecommerce ma colpa della GDO che non riesce ad avere la forza di alzarsi dal suo trono. Non servono grossi investimenti ma servono investimenti diversi. Il cliente di domani è il 15 enne di oggi che fra qualche anno utilizzerà i volantini non come strumento di scelta di acquisto ma per accendere un barbeque acquistato su amazon. Cambiare è ancora possibile, bisogna crederci e bisogna farlo.

Condividi su Facebook